Caviale: suggerimenti per servirlo e degustarlo al meglio

Come preparare e degustare al meglio il caviale? Ecco alcuni suggerimenti per uno dei cibi più raffinati al mondo.

Il caviale è una delle pietanze più prelibate e care in cucina. Per questo motivo esistono una serie di regole legate alla sua preparazione e presentazione. Inoltre, è importante conoscere i segreti per una degustazione ottimale.

Innanzitutto, il caviale si conserva in frigorifero e non nel freezer. Per poter mantenere tutto il suo sapore, la temperatura di conservazione va mantenuta tra i -2 e i 2 gradi. È necessario servirlo con la stessa temperatura anche a tavola, ecco perché è indispensabile servirlo su un letto di ghiaccio.

È bandita qualsiasi posata di metallo. Per quanto possa essere prezioso, un cucchiaio in acciaio, oro o argento potrebbe comprometterne il sapore. La regola prevede di servirlo esclusivamente su un cucchiaio di madreperla o di ceramica. Per mangiarlo, usare le mani! I grandi chef consigliano di porre una piccola quantità di caviale sul dorso della mano, tra il pollice e l’indice. Il calore della mano ne evidenzia il sapore sulla lingua. Questa modalità è adatta alle cene romantiche di coppia.

Per una cena con gli ospiti, invece, esistono una serie di accoppiamenti perfetti. Sono sconsigliati cibi dal gusto forte e deciso, dato che coprirebbero il suo sapore. Per fare un figurone, tagliare a metà una patata novella bollita e porre il caviale al centro. Oppure, preparare dei pancakes al grano saraceno (i famosi blinis della cucina russa) con una punta di panna acida.

Mai basare l’intero pasto solo sul caviale! È una pietanza non solo molto costosa, ma anche decisamente saporita. Usufruirne a dismisura può rivelarsi un dispiacere per il palato, oltre che per il portafoglio. Il momento perfetto per servire il caviale è dunque l’aperitivo, così da assaporarlo in perfetta quantità.

E da bere? Intramontabili sono gli abbinamenti con lo Champagne, lo Spumante, un Franciacorta o della Vodka.