Living Unit del futuro: le future soluzioni dell’abitare

Se vi steste chiedendo “Dove saremo tra vent’anni?”, la risposta è semplice: nelle Living Unit del futuro.

Milano – Per la prima volta un’esposizione delle Living Unit del futuro. In occasione del Fuorisalone, la prima edizione di INHABITS- Milano Design Village, tenutasi a Parco Sempione fino allo scorso 9 aprile, un’esposizione dedicata al Design e all’Architettura, concentrata sulle future modalità dell’abitare.

E’ in corso un dibattito riguardo alle future soluzioni d’abitazione. In un mondo sempre più popolato da nomadi, quali saranno le esigenze del futuro? Probabilmente edifici “traslocabili” insieme ai propri padroni. Immobili nomadi.

Sono cinque le proposte di Living Unit (letteralmente “unità viventi”) esposte a Milano. Queste vanno di pari passo con l’ecosostenibile ed il risparmio energetico. Sono progetti italiani ed internazionali.

Ecco i cinque progetti.

Living Unit in legno autoportante. Come si può evincere dal nome, questa soluzione è adattabile in tutti i contesti, condizioni climatiche e terreni. È un’unità per due persone, che può rappresentare un rifugio, casa vacanze o soluzione temporanea. Se necessario, si possono aggiungere più unità, sia in verticale che in orizzontale. Il tutto è flessibile, in modo tale da essere perfettamente adattabile.

Omnia. Definita anche “Tiny House”, fa parte della categoria di case completamente in linea con il risparmio e l’ecosostenibile. Può essere trasportata, può occupare spazi insoliti e inutilizzati. Può anche comunicare e trasmettere informazioni ed energia con altri edifici simili. È facilmente rimovibile e adattabile a contesti naturalistici, in grado di risolvere problemi con le calamità naturali.

Suri. Una soluzione pensata come rifugio temporaneo, in seguito ad eventi catastrofici come calamità naturali o per la situazione dei migranti. È piccolo e leggero, facilmente trasportabile. Può costituire un rifugio d’emergenza, come abbiamo visto, ma anche uno definitivo. Questa Living Unit è del tutto autonoma: è possibile integrarla con pannelli solari ed è fornita di sistema di purificazione dell’acqua.

Living Unit ripiegabile. La struttura può infatti essere ripiegata e utilizzata solo per l’utilizzo. Questo perché è una struttura modulare, antisismica, di primo soccorso in caso di calamità. È personalizzabile e dimensionale in base alle disponibilità economiche ed alle preferenze.

Il progetto N_D Creative Studio. Punta alla collaborazione con altri professionisti, riciclando materiali senza modificarli. Così si minimizzano i costi, con la possibilità di restituire i materiali.