I migliori ristoranti vegani d’Italia

In una società in cui ogni giorno milioni di persone si riscoprono vegeteriane e vegane, non si può non citare i migliori ristoranti vegani d’Italia.

Negli ultimi anni sono sempre di più le persone che scelgono uno stile di vita sano ed “etico”. I vegani ed i vegetariani spuntano come funghi in un bosco d’autunno, ed i servizi cercano di stargli dietro. La domanda di prodotti salutari e non animali è cresciuta in maniera vertiginosa, così i supermercati ed i negozi di alimentari hanno cercato di rifornirsene il più possibile. Non dimentichiamoci, però, del lusso del “mangiare fuori”, anche questo modificatosi profondamente in seguito a questi cambiamenti sociali. Di seguito, una lista con i migliori ristoranti vegani d’Italia.

Il nostro paese si piazza al terzo posto, in Europa, per numero di ristoranti vegani. Qualcuno dice che è per moda, qualcun altro per strategie di marketing, altri ancora per una maggiore consapevolezza di ciò che si mangia e per la scelta di una vita salutare. Ciò che conta è che il nostro paese vanta diverse soluzioni alimentari, con piatti tradizionali rivisitati in chiave vegana.

Apriti Sesamo, Parma.  Ciò che lo rende uno dei migliori ristoranti vegani d’Italia è l’esperienza sul campo da più di vent’anni, nonostante questa “moda” sia relativamente recente. Il cibo è rigorosamente biologico, curato, di ottima qualità.

Crepapelle, Firenze. Per tutti quei vegani che non riescono a rinunciare allo street o junk food, ecco la soluzione! Crêpes, kebab, panzerotti, fritti … tutti vegani. La materia prima è, ovviamente, tutta biologica e non di origine animale. Chi l’ha detto che i vegani mangiano solo seitan?

Ops!, Roma. Il ristorante del celebre scrittore di libri per vegani, che pubblica per Mondadori: Simone Salvini. Il formato del posticino romano è a Buffet, tutto rigorosamente “green”. La qualità dei piatti e delle ricette è sicuramente garantita, mentre la quantità è a discrezione del cliente.

Joia, Milano. Il primo ristorante vegetariano a conquistarsi la fatidica stella Michelin. I piatti sono risultati di ricerche e sperimentazioni, adatti ai vegani più lussuosi e pretenziosi.