Mangusta Oceano 42: varata la seconda unità

Mangusta Oceano 42: varata a Pisa la seconda unità

Varata a Pisa la seconda unità di Mangusta Oceano 42, yacht da 42 metri in acciaio e alluminio della linea Long Range di Overmarine Group, brand italiano fondato nel 1985 dalla Famiglia Balducci.

Il Mangusta Oceano 42 è uno yacht a 3 ponti, lungo fuori tutto 43 metri e largo 8,7 metri. Firmato da Alberto Mancini è costruito nel nuovo layout da 22.000 mq (9.000 coperti) che interpreta un concept innovativo ed originale in questo importante segmento di mercato.

Il Mangusta Oceano 42 si fa apprezzare per grande abitabilità, elevata autonomia e prestazioni al top. l’imbarcazione presenta inoltre un mix di tecnologia e lifestyle che si trova solitamente su imbarcazioni dalle dimensioni più importanti.

Ne sono un esempio l’area di prua e quella di poppa. La prima con due zone distinte di prendisole che sfociano in una piscina con cascata ad effetto infinity, mentre la seconda con il portellone che si apre sul mare e realizza una comoda beach area arredata.

Mangusta Oceano 42: gli interni

Gli interni del Mangusta Oceano 42 sono stati completamente personalizzati dall’armatore sia nel layout che nel decoro e offrono la massima privacy a 12 ospiti e ai 7 uomini dell’equipaggio.

Ampi gli spazi interni che sfruttano al meglio la tecnologia lighting design e la luce naturale che entra dalle grandi finestrature. La riduzione delle barriere visive esalta lo spazio a disposizione con grandi superfici vetrate che garantiscono una continuità tra spazi interni ed esterni.

Gli allestimenti interni risultano particolarmente raffinati, non solo per la qualità dei materiali, ma anche per la loro combinazione con i complementi d’arredo utilizzati.

Il sistema di propulsione di Mangusta Oceano 42 è composto da una coppia di motori MTU 12V 2000 M72 da 1.448 HP. Questi propulsori sono in grado di spingere lo yacht a una velocità massima di 15 nodi e di garantire un’autonomia di oltre 4500 miglia nautiche alla velocità di crociera di 11.

Scritto da