Isole Maldive: il paradiso terrestre dell’Oceano Indiano

Isole Maldive: il paradiso terrestre dell’Oceano Indiano. Alla scoperta degli atolli più belli.

Con quasi 1.200 isole coralline mozzafiato, le Isole Maldive sono la meta ideale per chiunque sia alla ricerca di pace, relax e fascino incontaminato. Spiagge bianche, barriera corallina, palme e bungalow sono il denominatore comune dell’arcipelago.

Le isole abitate sono “soltanto” duecento. Appena un centinaio quelle dotate di strutture turistiche, in cui godersi la bellezza ed il refrigerio delle limpide acque dell’Oceano Indiano. Ma quali sono i migliori atolli dell’arcipelago delle Isole Maldive per trascorrere una vacanza indimenticabile?

La Mappa delle Isole Maldive

Cominciamo da quello di Malè, considerato uno dei più belli al mondo. Cuore pulsante dell’arcipelago, ne ospita la capitale e con le decine di isole che lo costellano saprà offrire tutto ciò di cui avete bisogno. Un altro atollo, particolarmente amato dai turisti, è quello di Ari che si estende per quasi 90 km, nella parte occidentale dell’arcipelago. Molte delle sue 50 isole sono protette da lunghe barriere coralline, ideali per le immersioni.

Se invece desiderate immergervi nella natura incontaminata, Shaviyani è la meta ideale. L’atollo è quello meno frequentato e forse più autentico delle Isole Maldive. Sarà proprio per questa sua natura così indipendente e incontaminata che le tartarughe arrivano ogni anno per deporre le uova sulle spiagge deserte.

Meraviglia da non perdere, l’atollo di Baa, dichiarato nel 2011 dall’Unesco Riserva mondiale della Biosfera. Le sue acque sono popolate da creature straordinarie come mante e squali balena, oltre agli immancabili coralli. E tra gli atolli settentrionali, merita menzione quello di Noonu, con 13 isole abitate e qualche resort. Tra questi c’è da segnalare il famoso Cheval Blanc, di proprietà del gruppo Louis Vuitton Moët Hennessy.

Un paradiso in terra per un viaggio che lascia il segno. Dopo aver visto le Isole Maldive, niente sarà più come prima!

Scritto da