A Fico Bologna, il Natale è più fico! Un viaggio nella Disneyland del cibo

A Fico Bologna, il Natale è più fico!

TopLook Magazine inviata speciale nel parco gastronomico più grande del mondo

Bologna – Con l’avvicinarsi delle Feste Natalizie, decidiamo di accompagnarvi in un viaggio virtuale nella “Disneyland del cibo”, un luogo che racchiude tutta la biodiversità italiana, tutta la magia del sapore Made in Italy. Stiamo parlando di FICO BOLOGNA EATALY WORLD, la FABBRICA ITALIANA CONTADINA più grande del mondo; il progetto ambizioso di 100 mila metri quadrati fondato nel 2003 dal guru dell’alimentare Oscar Farinetti.

A Fico Bologna il Natale è più fico!

Una palestra di educazione sensoriale al cibo e alla biodiversità, dove le meraviglie dell’agroalimentare e dell’enogastronomia italiana sono presentate e narrate dalla nascita nella terra madre fino all’arrivo nel piatto e nel bicchiere.

Il progetto architettonico è stato curato da Thomas Bartoli, responsabile di Eataly Design, con l’idea di accogliere in uno stesso luogo tutte le fasi di trasformazione del prodotto: dalla coltivazione alla vendita, fino al consumo. Ma Fico Bologna è prima di tutto un luogo di produzione di valori,  una pratica pienamente connessa alla terra.

L’itinerario può essere percorso a piedi, in sella alle Ficobike (con cestino della spesa annesso), libero oppure assistito dagli Ambasciatori della Biodiversità italiana. Ma ciò che veramente conta è la capacità di lasciarsi guidare dalla natura, dai profumi, dalla bellezza e dal racconto di una storia che viene dal passato, ma che non ha mai fine.

All’interno centinaia di piccole e medie imprese italiane di alta qualità mostrano in diretta la loro arte manifatturiera. Tanti gli spazi adibiti ai vari settori del Made in Italy: 2 ettari di campi e stalle con più di 200 animali per capire l’agricoltura italiana; 40 fabbriche contadine per vedere la produzione di carni, pesce, formaggi, pasta, olio, dolci, birra; 40 punti di ristoro tra cui diversi ristoranti stellati per capire la trasformazione alimentare e ancora, sei “giostre” educative dedicate al fuoco, alla terra, al mare, agli animali, alla bottiglia e al futuro e, per divertirsi ed imparare: 30 eventi e 50 corsi al giorno tra aule, teatro, e spazi didattici.

Non poi manca un giardino coperto progettato da Carlo Ratti, direttore del “Senseable City Lab dell’Mit” di Boston e guida creativa per la realizzazione dell’Area del Futuro di Fico, dove i visitatori possono scegliere e piantare i propri semi e monitorare la loro crescita da casa tramite una app.

E se ancora non avete pensato ai Regali di Natale, vi suggeriamo dunque di donare un’esperienza a chi amate. Un viaggio enogastronomico all’interno della Fabbrica Italiana Contadina, con la possibilità di scegliere uno tra gli oltre 20 corsi di filieria, offerti dai maestri artigiani delle fabbriche!

Scritto da