New Orleans: regina del Missisippi compie 300 anni

New Orleans: la regina del Missisippi festeggia i suoi 300 anni

Cosa visitare nella città più multiculturale della Louisiana.

New Orleans è la città principale dello Stato della Louisiana con una superficie di 350 miglia quadrate. E’ ubicata nel delta del Mississippi, a est e a ovest delle rive del fiume, a sud del lago Pontchartrain e dista circa 170 chilometri dal Golfo del Messico.

New Orleans Panorama

Cenni storici

Fondata nel 1718 dall’esploratore franco-canadese Jean-Baptiste Le Moyne de Bienville, fu chiamata Nouvelle-Orléans in onore del Duca di Orléans. Successivamente spagnola, prese il nome attuale quando la Louisiana venne acquistata dagli Stati Uniti nel 1803. Nel corso del XIX secolo sviluppò una florida attività commerciale, grazie ai trasporti lungo il Mississippi. Traeva guadagni da cotone, schiavitù, banche e traffici fluviali. È sopravvissuta a epidemie di febbre gialla, insurrezioni di schiavi, inondazioni e a una serie di uragani. L’ultimo, Katrina nel 2005, ha sommerso d’acqua l’80% dell’abitato e  causato circa 1.400 morti.
Ogni nuova ondata migratoria ha portato in città un particolare stile musicale, un cibo, una tendenza architettonica. Ne è un esempio la jambalaya, una paella rivisitata con gli ingredienti locali portata dagli spagnoli alla fine del XVIII secolo. Oggi uno dei principali piatti della cucina creola. E furono sempre gli spagnoli a riempire il Quartiere Francese, di case decorate con balconi in ferro battuto e corti interne, più simili alle case dell’Avana e di Siviglia che a qualsiasi altro stile visto negli States.

Fino ai giorni nostri

Negli anni si è riempita e screziata di immigrati caraibici, europei e africani, che costituiscono ancora oggi il fulcro di una multirazzialità affascinante e ne fanno la sua unicità. Pensiamo al jazz che, nato nelle piantagioni ha visto i natali negli anni Venti come conforto dell’anima degli schiavi afroamericani. E al soul e al funky, che hanno reso la musica il filo conduttore di ogni aspetto della città. Oggi New orleans festeggia i tre secoli di vita, a suon di musica, mostre, sfilate per le strade, piatti creoli, mentre per le vie campeggiano cartelli con la scritta “300”.

Da visitare

Bourbon street. Si trova nel cuore dell’antico Quartiere Francese. Si sviluppa su 13 isolati da Canal Street all’Esplanade Avenue. Oggi è nota principalmente per i suoi bar e strip club, ma la sua storia offre un ricco sguardo nel passato della città. Residenza delle classi alte alle sue origini, è ora sinonimo di festa. Nel centro storico è lo scenario del celebre Carnevale Mardi Gras, un periodo di cortei (una grande parata ogni giorno, tempo permettendo), balli (alcuni dei quali mascherati), e ricevimenti.

New Orleans il Mardi Gras

French Market. E’ un mercato e una serie di edifici commerciali che coprono sei isolati del Quartiere Francese. Fondato come stazione di posta è il mercato più antico negli Stati Uniti. Al 100 di Decatur Street è un mercato all’aperto dove fare shopping, assaggiare piatti tipici della cucina creola e ascoltare musica dal vivo 365 giorni all’anno. Rinomato è il Cafè du monde. Serve 24 ore su 24 caffè e latte con dei dolci di pastella fritta ripiena chiamati beignets fatti ancor oggi seguendo una ricetta che risale al 1862.

Lafayette Cemetary. Il più antico cimitero della città. Elencato nel Registro nazionale dei luoghi storici, contiene circa 1.100 tombe di famiglia e oltre 10.000 persone. Situato nel cuore dello storico Garden District è famoso in quanto alcune scene di film horror sono state girate tra i sue viali.

Commander’s Palace. Fondato nel 1893 si trova nel Garden District di Uptown New Orleans. E’ uno dei migliori ristoranti di lusso dove gustare la cucina creola di più alto livello.

Per chi ama il verde

Audubon Park. Parco cittadino di circa 350 acri situato nel Quartiere Uptown. A circa sei miglia a ovest del centrocittà, si trova su un terreno acquistato dal municipio nel 1871. Confina con il Mississippi e con St. Charles Avenue, di fronte alla Tulane e alla Loyola University. Deve il suo nome all’artista e naturalista John James Audubon, che iniziò a vivere a New Orleans nel 1821.

New Orleans Jackson Square

Jackson Square. Parco storico nel Quartiere Francese. Dichiarato National Historic Landmark nel 1960, per il suo ruolo centrale nella storia della città. Nel 2012 l’American Planning Association lo ha designato come uno dei più grandi spazi pubblici americani. La vecchia piazza delle armi si corona con la cattedrale di San Louis, la chiesa cattolica più antica degli Stati Uniti. La piazza è anche un luogo storico protetto e punto di incontro per gli artisti locali.

Come muoversi

St. Charles Streetcar. E’ la linea tramviaria più antica del mondo. Dalla sua inaugurazione nel 1834 non ha mai smesso di funzionare. Percorre la Route 12 unendo la parte alta della città al fiume attraversando i dintorni di Carrollton. Termina in Canal Street, il centro finanziario. È la linea più trafficata del sistema tramviario, utilizzata da pendolari e turisti. Sulla maggior parte delle mappe e pubblicazioni RTA, è indicata in verde, che è anche il colore dei tram.

Lo Steamboat Natchez

I battelli a ruota. Da non perdere una crociera sul Missisippi a bordo del battello a ruota Steamer Natchez, imbarcazione in legno di quercia e acciaio che riproduce fedelmente i battelli che solcarono il fiume a partire dal 1823. Accompagnano il viaggio brani musicali Dixieland eseguiti con il Calliope, organo a 32 canne che emette sbuffi di fumo e illumina lampade colorate ad ogni nota, creando un’atmosfera festosa e allegra.

Scritto da