Porsche 911 Speedster Concept: celebrati i 70 anni

Porsche 911 Speedster Concept: per i 70 anni di auto sportive Porsche

Un’anteprima da 500 CV per i festeggiamenti del 70° anniversario delle vetture sportive

Era l’8 giugno 1948 che veniva omologata la Porsche 356 Roadster, la Numero 1 ed ora, a 70 anni di distanza ecco la Porsche 911 Speedster Concept. Prototipo stradale di una sportiva aperta, la 911 Speedster Concept riprende quella purezza costruttiva e impersona tutta l’essenza della Casa di Stoccarda con l’emozionalità e il piacere alla guida.

Vista laterale della Porsche 911 Speedster Concept

Sviluppata dal reparto Motorsport, che ha realizzato la 911 GT2 RS e la GT3 RS, dalle GT ha preso la tecnologia della trasmissione, mentre dal modello originale di 70 anni fa ha ereditato la leggera capote al posto del tetto apribile.

Linee esterne che rievocano il passato

Il design esterno è caratterizzato da un profilo sportivo compatto con cornici dei finestrini corte un parabrezza fortemente inclinato e vetri laterali accorciati. Una copertura in fibra di carbonio posta dietro i sedili anteriori nasconde la struttura di protezione in caso di ribaltamento e realizza quell’effetto a doppia bolla tipico delle sportive di Casa Porsche. Due lamelle di colore nero collocate fra le due gobbe regalano un pizzico di aerodinamica, mentre sul deflettore dell’aria in plexiglas trasparente risalta il logo 70 anni di Porsche.

La carrozzeria è derivata dalla 911 Carrera 4 Cabriolet. Parafanghi, cofano anteriore e carter posteriore sono in fibra di carbonio. Verniciata di color Silver GT e Bianco, si ispira a quello delle prime Porsche da competizione, come nel caso di altri dettagli. Ne sono un esempio il tappo del serbatoio stile anni ’50 posizionato nel mezzo del cofano anteriore, la sagoma Talbot degli specchietti retrovisori laterali o il profilo dei proiettori anteriori.

Dettaglio dello specchietto della 911 Speedster Concept

Superfici trasparenti e opache sul vetro dei fari creano un effetto a incrocio. Rievocano i primi anni di Porsche nel mondo delle gare quando i fanali venivano coperti con nastro adesivo per evitare che il vetro si rompesse dopo l’urto di sassi e terriccio. I larghi montanti centrali e il posteriore sono decorati dalla scritta Speedster in caratteri dorati smerigliati.

Alta la tecnologia sotto la carrozzeria, minimal l’abitacolo

Il telaio è derivato dalla 911 GT3. I cerchi Fuchs da 21” hanno il dado centrale. L’impianto di scarico ha terminali in titanio. La Porsche 911 Speedster Concept è spinta da un motore 6 cilindri, abbinato a un cambio manuale a sei rapporti, in grado di erogare oltre 500 CV di potenza a 9.000 giri al minuto.

La leggerezza delle strutture alla base della vision della Speedster sono riproposte anche nell’abitacolo. Tutto è essenziale o ridotto all’osso. Sono stati infatti eliminati il sistema di navigazione, la radio e l’impianto di condizionamento. I sedili a bacquet sono in fibra di carbonio. I rivestimenti in pelle anilinica chiara dalla tonalità Cognac 356 riprendono le caratteristiche delle sportive che hanno preceduto questa vettura.

L'abitacolo della 911 Speedster Concept

La 911 Speedster Concept è stata presentata nell’ambito dei festeggiamenti ufficiali organizzati a Zuffenhausen per i 70 anni di auto sportive Porsche. Non è stata ancora annunciata una sua possibile entrata in produzione, anche se indiscrezioni parlano della metà del 2019.

Scritto da