Porsche Scholarship 2014

Porsche Motorsport mette in palio un posto nella serie Supercup 2015.

10702127_793319884063898_7555149283137082507_nE’ terminata questa settimana a Valencia, la ricerca, da parte del settore sportivo della casa di Stoccarda, di un nuovo talento emergente, da portare al via della stagione Supercup 2015.

Nove giovani piloti, provenienti da otto nazioni, con l’unico obiettivo di aggiudicarsi la “borsa di studio” per poter accedere alla stagione 2015, della Porsche Mobil 1 Supercup.

A Valencia, i candidati nominati in base ai criteri dello Scholarship Programme, previsto nell’ambito delle Carrera Cup nazionali, hanno partecipato alla selezione della durata di due giorni.

Sul circuito, Ricardo Tormo, i piloti non solo hanno dovuto segnare buoni tempi sul giro, ma sono stati valutati anche per il loro carattere e le loro attitudini, con il vincitore della Porsche International Scholarship che riceverà un premio di 200.000 Euro.

Inoltre per tutta la durata del campionato, il giovane talento, riceverà supporto in materia di fitness, allenamento psicologico e gestione dei media.

La maggior parte dei partecipanti al challenge di Valencia è costituita dai giovani talenti che sono stati selezionati nei Paesi in cui si corre la Carrera Cup.

Giovani che non devono superare i 26 anni, ed esprimere il potenziale per avere successo a livello internazionale.

Il diciottenne Matteo Cairoli, di Como, è il rappresentante della Porsche Carrera Cup Italia.

Tom Dillmann e Come Ledogar, sono stati scelti dalla Porsche Carrera Cup France.
Alif Hamdan da Kuala Lumpur è il candidato della Porsche Carrera Cup Asia, mentre Michael Lewis di Laguna Beach rappresenta gli USA.

La Carrera Cup Japan ha nominato Ryo Ogawa da Kawasaki-shi, mentre lo svedese Oscar Palm di Jonkoping è stato scelto in rappresentanza della Scandinavia.

Sam Power proviene dalla città australiana di Goodwood, ed è stato scelto dalla Porsche Carrera Cup Australia, concludendo con Josh Webster di Stowmarket in rappresenta di Porsche Great Britain.

I nove selezionati, hanno dato dimostrazione agli specialisti che li esaminavano delle loro capacità al volante della 911 GT3 Cup.

“Abbiamo assistito ad alcune prestazioni impressionanti tra i piloti e per noi è una conferma che ci sono molti giovani di talento nei trofei Porsche in tutto il mondo,” dice Jonas Krauss, Porsche Supercup Manager. “Ora abbiamo bisogno di verificare i singoli parametri nelle prossime settimane per definire chi sarà il migliore. Ma una cosa è certa, è un onore per tutti i partecipanti avere preso parte a questa sfida“.

Nel 2015, il vincitore prenderà il testimone dello Scholarship Programme dal neozelandese Earl Bamber che attualmente conduce la classifica generale.

Questi test per giovani talenti hanno una lunga tradizione nella storia della casa tedesca, molti piloti che ricevono sostegno da Porsche sono poi riusciti a passare alle gare GT internazionali e a quelle riservate ai prototipi ed a Le Mans.

Di conseguenza, la Supercup è un vero e proprio trampolino di lancio per chi intende diventare pilota professionista.